Commodus’ Mini-Colosseum at Genzano

Interesting discovery getting some coverage in the English press but the fullest is from Il Messaggero:

Che l’imperatore Commodo, il controverso figlio di Marco Aurelio, avesse una passione per i giochi gladiatori e i combattimenti contro le bestie, era noto. Non a caso le fonti storiche raccontavano che l’erede dell’imperatore filosofo avesse un anfiteatro privato nella sua natia Lanuvio dove amava sfidare il destino, scendendo nell’arena e uccidendo vestito da gladiatore le belve feroci. Ma quello che finora sembrava solo un retroscena riportato dalla biografia della «Historia Augusta», ha ora le sue prove archeologiche. La conferma che Commodo avesse davvero il suo personale tempio dei ludi gladiatori, ribattezzato già dagli studiosi «il piccolo Colosseo».

L’ARENA
L’arena di oltre 35 metri per 24, una struttura esterna di oltre 50 metri per 40, una superficie della cavea di oltre 9mila metri quadrati, e una capienza di oltre 1300 posti, senza contare l’intero palco imperiale. Un monumento databile alla metà del II secolo d.C. Ma a colpire la suggestione sono i marmi decorativi provenienti da tutto il Mediterraneo. L’eccezionale scoperta è avvenuta a Genzano nel complesso archeologico della cosiddetta Villa degli Antonini, l’originaria residenza imperiale che si estendeva in età romana nell’«Ager Lanuvinus», l’antica Lanuvio, luogo di nascita di Marco Aurelio e, appunto, di Commodo.

I MARMI
È qui che dal 2010 l’équipe del Center for Heritage and Archaeological Studies della Montclair State University sta portando avanti il progetto di scavo didattico sulla Villa degli Antonini sotto la direzione scientifica di Deborah Chatr Aryamontri e Timothy Renner, grazie ad una convenzione rilasciata dal Ministero per i beni culturali in accordo con la Soprintendenza per i beni archeologici del Lazio, e in collaborazione col Comune di Genzano. Le campagne di scavo estive avevano finora indagato le strutture del vasto impianto termale degli Antonini, ma soprattutto avevano individuato una piccola porzione di strutture murarie curvilinee: «Ci sembrarono subito anomale perché apparivano disposte secondo una planimetria ellittica – racconta la Chatr Aryamontri – e oggi siamo ad una svolta. Le indagini col georadar hanno verificato l’intera disposizione planimetrica delle mura di fondazioni e gli scavi hanno riportato alla luce una nuova porzione di strutture curvilinee speculari».

Blocchi di roccia vulcanica alternati a laterizio, rivestiti di marmi pregiati. «Il repertorio dei marmi è eccezionale, il giallo antico, il pavonazzetto, il greco scritto, il granito rosa e il serpentino – avverte la Aryamontri – Pregevoli anche i rivestimenti pavimentali tra tessere di mosaico bianco-nero, pasta vitrea, incluso tessere di vetro trasparente ricoperte con foglia d’oro. Una produzione di qualità rivolta ad una committenza ricca». Tutto intorno all’arena corre un canale sotterraneo, largo oltre 50 centimetri: «L’ipotesi è che servisse anche per gli spettacoli di battaglie navali», azzarda la studiosa. Sempre sotto l’arena, spicca una scala elicoidale che scende per quasi tre metri. Forse anche il «piccolo Colosseo» di Commodo aveva i suoi ipogei per le macchine sceniche funzionali allo spettacolo. Privato, ma grandioso.

On the English side:

… the (much advertised) dig is being conducted at the Villa of the Antonines by the fine folks at Montclair State (who really should get a press release out there) … they have a page about the dig (aimed at prospective field schoolers), which notes that this amphitheatre was actually discovered last year: An Introduction to the “Villa of the Antonines” Archaeological Field Project in Italy.

CFP: Women’s Ritual Competence in the Ancient Mediterranean

seen on the Classicists list:

Call for Papers: Women’s Ritual Competence in the Ancient Mediterranean
Bates College, Maine, USA, April 25-27, 2014

This conference will examine the evidence–literary, visual, archaeological, epigraphic–for the ritual competence of women in the ancient Mediterranean.

Papers will explore the nature of and role played by women’s expertise in contexts that involved communication with the supernatural–be they usually described as ‘religious’ or ‘magical’. This expertise may have been demonstrated in very different ways, for example, in oral or written expression or particular activities; it may emerge from sources created directly by women, or in the responses made by others.

We are interested in case studies from ancient Greece, and in tracing connections between Greece and neighboring cultures, as relevant. Papers that include comparanda from the Near East and/or the ancient Mediterranean are especially welcome.

Please send the title of your proposed paper, with an abstract of 300-500 words to Lisa Maurizio (lmaurizi AT bates.edu) by November 25th, 2013; decisions will be made by December 20th 2013.

Professor Matt Dillon (University of New England, Australia)
Dr Esther Eidinow (University of Nottingham, UK)
Professor Lisa Maurizio (Bates College, USA)

This message and any attachment are intended solely for the addressee and may contain confidential information. If you have received this message in error, please send it back to me, and immediately delete it. Please do not use, copy or disclose the information contained in this message or in any attachment. Any views or opinions expressed by the author of this email do not necessarily reflect the views of the University of Nottingham.